Tilde e backtick su windows

I sistemisti linux (quindi la quasi totalità della categoria), quando costretti ad usare Windows, non possono di certo fare a meno della linux shell, che in ambiente Windows, viene emulata in maniera tuttosommato soddisfacente, da programmi come cygwin e git bash.

Tuttavia la shell di linux, non è l’unica cosa che manca ad un pinguinofilo, quando è costretto ad usare il sistema operativo di Microsoft. Uno degli aspetti più avvilenti tante volte è rappresentato dalla tastiera ed in particolare di alcuni tasti che si comportano in maniera differente sui due sistemi operativi.

Questo breve post offre una panoramica e una soluzione al problema.

Tilde ~

Il carattere tilde è molto usato in ambiente linux, dove basta pigiare

Alt Gr + ì

per ottenerla.

Su ambiente windows invece si deve fare ricorso al tastierino numerico per ottenere lo stesso risultato, in particolare bisogna digitare la sequenza

Alt + 126

per vedere stampato a video il carattere tilde.

Backtick `

Per quanto riguarda il carattere backtick, questo `, su ambiente linux sarà sufficiente digitare ? tendendo premuto il tasto Alt Gr, ovvero:

Alt Gr + ?

Su sistema operativo Windows invece, bisognerà ricorrere al tastierino numerico, digitando:

Alt + 96

Ma, io non ho il tastierino numerico!

È abbastanza frustrante dover risolvere questo problema quando non sia ha un tastierino numerico sulla tastiera, perché ad esempio si sta utilizzando un PC portatile.

Se dunque hai un notebook con Windows e vuoi scrivere tilde o backtick, non ti resta che dare un’occhiata alla pagina “layout.ahk” del Github di Federico Carboni, dove viene mostrato l’uso del software AutoHotKey che risolve in maniera molto elegante il problema del tilde o del backtick su Windows.

Nella stessa pagina, viene mostrato un altro software Microsoft Keyboard Layout Creator, che assolve allo stesso scopo, ma che ho trovato meno pratico di AutoHotKey, che mi è sembrato più immediato.

Buona digitazione a tutti.

SVN rimuovere le cartelle .svn, ecco la soluzione

Chi lavora con SVN sa benissimo che tutte le cartelle del proprio progetto saranno caratterizzate dalla presenza (invisibile di default) di una sottocartella chiamata “.svn”.

Queste cartelle se ne stanno buone, tranquille e non creano problemi, ma a volte capita di doverle eliminare.

Come si eliminano le cartelle “.svn” senza navigare cartella per cartella e senza procacciarsi un esaurimento nervoso?

Se le cartelle affette dal problema sono sotto Windows il problema è facilmente risolvibile grazie ad un software ad-hoc:

SVN-Cleaner: http://code.google.com/p/svn-cleaner/

Se invece le cartelle sono finite erroneamente sul vostro server remoto con sistema operativo Linux, allora potete dare un’occhiata a questo chiaro articolo: http://www.anyexample.com/linux_bsd/bash/recursively_delete__svn_directories.xml.

Quest’ultima soluzione funziona anche su Mac OS X e in generale freeBSD.